LA SPONDA

I punti salienti del nostro programma li riassumiamo con un acronimo: LA SPONDA, che è  quella cosa che cerchi di raggiungere per aggrapparti e per salvarti quando sei in difficoltà a nuotare in mezzo ad un fiume.

L    = Lavoro (miglioramento della digitalizzazione     della P.A. per snellire la burocrazia. Individuare aree e spazi detassati (tax free)  nel comune per attrarre investimenti ed allettare grossi gruppi. Seguire ed incentivare la diffusione dell’ ”Internet of Thing” nella vita quotidiana per rispondere a necessità di privati, imprese ed istituzioni. Ferrara Libera è futuro e sviluppo!!!


A     = Assistenza sanitaria. E’ da controllare. Da questa amministrazione (ricordiamo che il Sindaco è il primo responsabile e difensore della Sanità di un comune)  non c’è stata nessuna indicazione sulla gestione del rapporto tra ospedale cittadino e quelli periferici. Dobbiamo fare in modo che ci sia una sinergia tra l’amministrazione e le direzioni sanitarie per gestire al meglio con l’aiuto dei sindaci dei comuni vicini, le professionalità e le eccellenze disponibili”

S     =  Sicurezza: Imperante il controllo del territorio. Sinergia tra polizia locale e le altre forze dell’ordine. Diamo un periodo di 30 giorni per regolarizzarsi e poi si parte con un censimento di contratti di locazione di case ed appartamenti per identificare presenze di irregolari che non hanno diritto di restare nell’ambito del comune. Regolazione del DASPO Urbano, TASER® in dotazione alla polizia locale, controlli a tappeto nei quartieri ad alta densità di spacciatori e delinquenti. Vigile di quartiere e potenziamento del “controllo del Vicinato”. Telecamere di sorveglianza.

P    = Pulizia e “Verde”: riorganizzazione pulizia cittadina, rivalutazione bandi ditte appaltatrici o dismissione appalti e ritorno della mansione direttamente al Comune. Si attueranno controlli sistematici sia in un caso che nell’altro per verificare efficienza. Basta Ferrara sporca. Cura minuziosa di aree verdi cittadine. Parchi, aiuole saranno oggetto di mantenimento costante. La stessa attività di messa in posa di alberi sarà studiata da personale qualificato che valuterà fattibilità e possibile adattabilità di certe tipologie di flora nel nostro attuale clima. Basta quindi a morte prematura di inflorescenze perché si segue il detto “basta piantare un albero”. Ripristinare di tram e di filobus. “Andiamo verso i mezzi pubblici verdi, si può fare un ulteriore passo introducendoli gradualmente sfruttando i bandi europei. Sono mezzi elettrici, non inquinano”

O     = Ordine:  ricordiamo che assenza di lavoro porta ad assenza di consumi ed incapacità di mantenere pulizia ed ordine. Degrado ed insicurezza hanno il sopravvento. Dobbiamo dare accesso a Nidi e scuole dell’infanzia magari gestiti da nonni con dei tutori certificati. questo può aiutare le famiglie. Dobbiamo investire nella cultura e nella educazione civica. Cultura intesa non solo come svago turistico eruditivo,  ma come plasma_pensiero che contestualizzi tutte le azioni sociali e di mercato.

Ferrara deve entrare nel circuito delle agenzie di viaggio con pacchetti ad hoc che pubblicizzano eccellence del territorio.

N     = Nuova Facoltà Universitaria: il territorio di Ferrara e dei comuni vicini è per una grande percentuale ancora rurale. Ci sono insediamenti di animali da pascolo, mucche, cavalli, capre e pecore, addirittura bufali. molti cittadini hanno animali da cortile e da compagnia. Ebbene, in concerto con l’Università, si potrebbe approntare uno studio per la creazione di una facoltà di veterinaria a Ferrara. Facoltà attualmente non presente e che aumenterebbe la presenza di studenti.

D     =  Disabilità ed Anziani: stretto rapporto e interazione con le associazioni che si occupano dei disabili e dell’assistenza agli anziani. Interazione con associazioni territoriali tipo l’Unione italiana ciechi, Associazione dei Cardiotrapiantati, AIDO Associazioni contro malattie neoplastiche che prevedono aiuti concreti diretti e l’Interazione con Università per lavori di ricerca. Particolare attenzione  ad ulteriori  progetti che posso sfruttare  delle sovvenzioni europee per la tecnologia applicata alla disabilità (realtà aumentata, etc.)

A     = Arte ed architettura: a noi sta a cuore un progetto da perseguire:
Obiettivo a) Promuovere il patrimonio monumentale del 900 ferrarese valorizzando ancora i siti principali e proponendo la visita di luoghi ancora poco esplorati; Ad esempio l’acquedotto monumentale di Piazza XXIV Maggio, contribuendo anche ad allontanare da quelle zone persone e traffici poco desiderabili.
Obiettivo b) Creare una sinergia con Tresigallo e creare un’offerta turistica e culturale integrata, coinvolgendo ancor di più la facoltà di Architettura di Unife in primo luogo ed anche gli studenti delle scuole superiori. E’ presumibile che i destinatari questa offerta turistica, dato il tema in oggetto, siano di provenienza socio-culturale elevata e quindi interessati magari ad approfondire la propria conoscenza di Ferrara affiancando la visita della città Estense a quella novecentesca, prolungando così la loro permanenza in città, con tutte le positive ricadute che questo comporterebbe.
E’ inoltre auspicabile che si possa e si voglia promuovere questo nuovo itinerario turistico affiancandogli altri eventi quali ed esempio mostre a tema.
Obiettivo c) Coinvolgere la cittadinanza attiva e le associazioni culturali che la rappresentano sperando che anche a Ferrara, come successo a Tresigallo, l’azione dell’amministrazione locale possa essere affiancata presto da iniziative culturali promosse dai cittadini.

Ciascuno di questi punti principali li potrete ritrovare nel nostro programma che è online nel sito www.ferraralibera.it